• ++39 347 0892378
  • associazioneculturalemalik@gmail.com

L’Unione dei Comuni del Guilcier investe sui giovani aderendo al progetto di Malik Sportello in Spalla

L’Unione dei Comuni del Guilcier investe sui giovani aderendo al progetto di Malik Sportello in Spalla

Associazione Malik No Comment

L’Unione dei Comuni del Guilcier aderisce a Sportello in Spalla, l’iniziativa rivolta ai giovani e agli operatori giovanili dei comuni di Abbasanta, Aidomaggiore, Boroneddu, Ghilarza, Norbello, Paulilatino, Sedilo, Soddì e Tadasuni e mirata a favorire e incrementare la diffusione delle informazioni relative alle politiche, i progetti e i programmi europei dedicati al mondo giovanile.

Il progetto, promosso dall’Associazione Malik in partenariato con Eurodesk Italy ed Eurobridge e finanziato dall’Unione dei Comuni del Guilcer e dalla Regione Sardegna, è stato attuato con successo anche nei Comuni del Sarcidano, della Barbagia di Seulo, nei comuni del Consorzio Bim Taloro e presso il comune di Dorgali e prevede l’attivazione di un’antenna informativa Eurodesk, l’animazione alle consulte giovanili, l’organizzazione e realizzazione di progetti di mobilità di breve e lungo periodo all’estero, la preparazione pre-partenza dei partecipanti, il tutoraggio in itinere, la capitalizzazione dei risultati al loro rientro e la realizzazione di un laboratorio di Capacity building e progettazione dal basso finalizzato alla ideazione e formulazione di idee progettuali da presentare all’Agenzia Nazionale per i Giovani nell’ambito del Programma Erasmus+.

Giovedì 22 marzo, alle ore 18, il Presidente dell’Unione dei Comuni del Guilcier, Alessandro Defrassu, aprirà insieme a tutti i sindaci dei comuni coinvolti l’evento di presentazione. L’incontro avrà luogo presso l’Agorà di Abbasanta ed è rivolto a tutti i giovani e gli operatori giovanili  del territorio.

Lascia un commento:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

La nostra mission è tradurre e integrare l’identità locale in una visione globale

Operiamo in ambito socio-culturale con un occhio di riguardo alle opportunità per i giovani in Europa